Abolizione del Libro Matricola e istituzione del Libro Unico del Lavoro

By | November 4, 2014

In un’ottica di maggiore semplificazione degli obblighi connessi alla tenuta dei libri del lavoro, sono state introdotte importanti modifiche per la stesura dei Libri Matricola e Libri Paghe, oltre ad una quantificazione più realistica delle misure sanzionatorie. In particolare, dal 18 Agosto 2008 è stato istituito un nuovo Libro Unico del Lavoro ed abolito il Libro Matricola.

required-documents

Il nuovo Libro Unico del Lavoro

Dal periodo di paga Gennaio 2009 è diventato operativo il nuovo Libro Unico del Lavoro che conterrà in un documento unico vidimato la parte retributiva dell’elaborazione degli stipendi e il calendario delle presenze/assenze.
Il L.U.L. è unico anche per più posizioni o matricole aziendali assicurative e previdenziali o più sedi di lavoro e dovrà essere tenuto da tutte le aziende con personale dipendente, collaboratori e associati in partecipazione, con la sola esclusione dei datori di lavoro domestici.
Per la compilazione del calendario delle presenze dovranno essere utilizzate delle causali specifiche per i vari titoli di assenza, risultanti da una legenda tenuta anche separatamente dal libro unico.

Per ogni mese di riferimento le registrazioni nel Libro Unico del Lavoro dovranno essere effettuate entro il giorno 16 del mese successivo, con modalità differenti a seconda del calendario di elaborazione adottato dalle aziende.

Non sarà obbligatorio consegnare al lavoratore copia del cedolino recante anche il calendario delle presenze. Potrà pertanto continuare ad essere consegnata copia del cedolino paga con i soli dati retributivi e senza numerazione progressiva, fermo restando che entro il giorno 16 del mese successivo dovranno essere stampati di nuovo i cedolini con l’aggiunta delle presenze e della numerazione sequenziale.
Le aziende che elaborano gli stipendi secondo il calendario sfasato possono comunque consegnare copia del cedolino comprensivo delle presenze già acquisite per l’elaborazione degli stipendi oppure stampare e consegnare copia del cedolino con i soli dati retributivi e senza numerazione progressiva.

Personale da registrare nel Libro Unico del Lavoro

Nel L.U.L. dovranno essere registrati i lavoratori subordinati, i collaboratori coordinati e continuativi e gli associati in partecipazione con apporto di lavoro, anche misto (capitale e lavoro).

Non dovranno, invece, essere registrati i dati relativi a:

  • amministratori di società, sindaci, componenti di collegi e commissioni i cui compensi costituiscono redditi di natura professionale (es. liberi professionisti iscritti ad un Ordine professionale);
  • agenti e rappresentanti di commercio che svolgono attività in forma d’impresa o di lavoro autonomo;
  • associati in partecipazione che svolgono l’attività in forma d’impresa o di lavoro autonomo.

Per quanto riguarda la registrazione dei compensi corrisposti a amministratori di società, collaboratori o lavoratori intermittenti, la compilazione del libro unico del lavoro deve essere effettuata all’inizio e al termine del rapporto di lavoro e per i mesi di erogazione dei compensi, anche in caso di pagamento dell’indennità di disponibilità per i lavoratori a chiamata con obbligo di risposta alla chiamata del datore di lavoro.

Composizione del Libro Unico del Lavoro

Il L.U.L. (Libro Unico del Lavoro) è composto da due parti:

  • prima parte: foglio paga
  • seconda parte: sezione per le presenze, da cui risultino, per ogni giorno, le ore lavorate e le assenze di ciascun lavoratore.

Le presenze devono essere riportate sul libro unico entro il 16 del mese successivo a quello di riferimento. Tra gli elementi che devono essere obbligatoriamente indicati sul Libro Unico, occorre porre particolare attenzione ai rimborsi spese. Tutti i rimborsi spese erogati dal datore di lavoro al lavoratore o al collaboratore devono essere registrati sul Libro Unico, indipendentemente dal fatto che l’azienda abbia anticipatamente messo a disposizione del dipendente (o del collaboratore) una somma di denaro a copertura delle suddette spese.

Notizie correlate

It's only fair to share...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *