8 consigli per combattere lo stress da rientro.

By | August 31, 2015

Al ritorno dalle vacanze ci sentiamo tutti un po’ stanchi e spossati all’idea di riprendere la routine e tornare al lavoro. Per questo motivo sarà utile ed essenziale trovare un elemento gratificante e motivante per vivere più serenamente questo momento.

La sindrome da rientro che colpisce circa 6 milioni di italiani, rinominata “post vacation blues”, comporta fastidiosi sintomi, quali insonnia, nervosismo e spossatezza eccessiva. Nella maggior parte dei casi, questi ultimi sono dovuti al passaggio dal clima di relax tipico delle vacanze ai ritmi più serrati della vita di tutti i giorni.

 

stress da rientro

 

La psicologa Paola Vinciguerra, presidente dell’Eurodap (Associazione europea disturbi da attacchi di panico), ci fornisce alcuni consigli pratici, utilissimi da seguire per tornare al lavoro con un sufficiente carico di energie:

1. Prepararsi in anticipo al rientro.

Per evitare un ritorno al lavoro traumatico e ricolmo di stress, il primo consiglio da mettere in pratica è quello di anticipare mentalmente il rientro a qualche giorno prima. L’ottica graduale vi consentirà di rilassarvi e di essere da subito più produttivi.  

2. Dormire.

Uno degli errori più comuni che si commettono, una volta finite le vacanze, è di passare dalle 8-10 ore di sonno che normalmente ci si concede, alle 6-7 tipiche della routine lavorativa. Il rischio di andare incontro all’insonnia è quindi molto alto. Si può prevenire ricorrendo ad una tisana rilassante o ad un bagno caldo con il sale.

3. Dedicarsi ad attività piacevoli e rilassanti.

Prendersi del tempo per sé stessi anche dopo la vacanza è di grandissima importanza. Ad esempio, nel caso in cui abbiate passato delle vacanze all’insegna dello sport, continuate a praticare attività fisica per scaricare lo stress e riposare meglio. Approfittate della bella stagione per fare jogging o andare in bicicletta. Inoltre, se avete scoperto una nuova passione per qualcosa in particolare, continuate a coltivare il vostro nuovo hobby durante il tempo libero.

4. Regolare l’alimentazione.

Il cibo aiuta sia il benessere che l’umore ed il cervello ha bisogno di zucchero per carburare. Per questi motivi, assumere sia carboidrati semplici (saccarosio, miele, confetture e frutta) che complessi (pane, pasta, riso e cereali), dosati in giuste quantità potrà aiutarvi notevolmente. Da non sottovalutare anche la melatonina, contenuta nella buccia dei chicchi d’uva, che aiuta il corpo a rilassarsi.

5. Stabilire le priorità.

Spesso rientrando in ufficio, la prima “brutta sorpresa” è il lavoro che si è accumulato durante le nostre settimane di assenza. Dato che probabilmente all’inizio non sarà possibile portare a termine tutto, un suggerimento utile può essere quello di stabilire delle priorità, partendo da ciò che viene ritenuto più importante fino alle attività che possono essere svolte in un secondo momento. In questo modo il lavoro sarà cadenzato e la mole di compiti da portare a termine sembrerà minore.

6. Concedersi pause frequenti.

Durante l’orario lavorativo, soprattutto in questa fase iniziale, il vostro cervello ha bisogno di riabituarsi a determinati ritmi. Per evitare di sovraccaricarlo di informazioni e ansia, è consigliabile fare molte pause tra un’attività e l’altra.

7. Allontanarsi dalla tecnologia.

Sicuramente in vacanza, anche se non siamo riusciti a staccarci completamente da tablet e smartphone, abbiamo passato meno tempo a contatto con loro. Il consiglio è quello di preservare questa buona abitudine, non portandoli con sè in camera da letto, per evitare di associare la stanza in questione ad un prolugamento del salotto, o peggio ancora dell’ambiente di lavoro e considerarla invece come un luogo di relax e di distacco dallo stress.

8. Week-end in libertà .

Uno dei segreti più importanti per ricaricarsi veramente e iniziare al meglio una nuova settimana di lavoro è dedicare il proprio fine settimana alla spensieratezza e alla propria famiglia, ricreando in questo modo un’atmosfera simile a quella vissuta in vacanza.

 

Notizie correlate

It's only fair to share...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *